lunedì 8 giugno 2015

I migliori ostelli dei miei viaggi

Come molta gente sa, io sono un viaggiatore molto attento al budget, anche perché senza un'attenta ricerca per limitare al massimo le spese non potrei assolutamente permettermi tutti i viaggi, lunghi e corti, che annualmente riesco a concedermi.
Chiaramente una delle voci di spesa su cui punto maggiormente la mia attenzione per poter risparmiare è quella sull'alloggio, d'altronde sono un tipo di viaggiatore cui davvero basta un letto e una doccia, poiché l'intera giornata la passo normalmente in giro alla scoperta del luogo dove mi trovo; mi ritrovo quindi spessissimo ad utilizzare le camerate degli ostelli mentre è invece piuttosto raro incontrarmi in un hotel di stampo "classico".
Molte persone, anche tra i miei amici, credono tuttavia che gli ostelli e le camerate siano una sorta di girone dantesco dove il caos, le persone maleducate, la sporcizia e le presenze di animaletti indesiderati la facciano da padrone, ignorando totalmente invece che in parecchi casi gli ostelli offrono un servizio e un grado di pulizia ed efficienza talvolta anche superiore a molti hotel a fronte di prezzi spesso assai più convenienti e che molti backpackers, abituati come sono a condividere gli spazi, sono molto rispettosi delle situazioni altrui. Certo, non dico che non ci siano posti di livello "discutibile" e che  dormire in ostello sia la soluzione migliore sempre e dovunque (e che non ci siamo i maleducati e/o maleodoranti), e inoltre ci può stare che qualcuno abbia troppo pudore o non abbastanza spirito di adattabilità da dormire in camerata (molti ostelli e guesthouse comunque hanno spesso a disposizione anche stanze private a prezzi comunque vantaggiosi, e in alcune nazioni il loro prezzo è talmente basso che sarebbe una follia non approfittarne), tuttavia durante i miei viaggi mi è capitato di alloggiare in posti veramente graziosi, e a posteriori posso dire che mi sarebbe davvero dispiaciuto perdermi dei simili gioielli.
Ecco dunque una carrellata degli ostelli migliori (a parer mio ovviamente) in cui ho passato almeno una notte:

independente hostel (dal web)

The Independente Hostel (Lisbona)
Presente (con assoluto merito secondo me) ai primi posti di molte classifiche dei migliori ostelli d'Europa da parte dei principali siti del settore, quest' ostello è davvero bellissimo. Si trova ai margini del Bairro Alto proprio di fronte al Miradouro de San Pedro de Alcantara, dal quale godere di uno dei panorami più suggestivi della città, molto vicino al punto di arrivo del tram-ascensore della Calcada da Gloria, ed è ospitato in un sontuoso palazzotto storico in stile art-deco. Anche gli interni sono nello stesso stile, e sono presenti un piccolo bar che serve birre alla spina e cocktails e un ristorante (dove viene anche servita la colazione) nel cortile interno, entrambi molto frequentati di sera anche da persone che non alloggiano nell'ostello. Le camerate sono spaziose, i letti a castello nuovissimi e con una struttura in legno nella quale sono anche inseriti gli spazi per i bagagli, i bagni in comune tanti e pulitissimi, i prezzi bassi e il personale gentile e preparato. Un alloggio senza nessun punto debole (per chi non volesse stare in camerata sono disponibili anche delle suites).

uppelink hostel

Hostel Uppelink (Gand)
Insieme al precedente è sicuramente l'ostello più bello in cui abbia mai dormito. Anche questo è ospitato in un palazzo medievale (uno dei palazzi più antichi di Gand sembra) in una posizione eccezionale visto che si affaccia sul Korenlei, a fianco alla chiesa di Sint Michiel. Gli interni sono completamente rinnovati, le camerate spaziose e i bagni sono in abbondanza e sempre puliti. Oltre alla magnifica vista che si ha dalle finestre, un ulteriore punto di forza dell'ostello è la bellissima sala comune-biblioteca, che assomiglia a un salotto signorile, nella quale c'è anche una piccola caffetteria dove viene servita la colazione.


uppelink hostel

St. Christopher's Inn - Bauhaus (Bruges)
Sicuramente uno dei punti di riferimento per dormire a Bruges se non siete una coppietta in viaggio romantico ma dei backpackers che vogliono vistare la città spendendo poco per dormire. Questo ostello è enorme, con centinaia di posti letto, ma con tutti i servizi perfettamente organizzati e funzionanti. Il punto di forza è che nelle camerate i letti a castello sono spaziosi e completamente chiusi su tre lati dalla struttura stessa, il quarto lato può essere chiuso da una tendina garantendo una buona privacy. L'entrata dell'ostello è attraverso il bel pub, facente parte del complesso, che si affaccia sulla strada.


st. chrisopher's inn - bauhaus (dal web)

Naughty Squirrel Hostel (Riga)
Oltre al nome estremamente curioso, questo ostello della capitale lettone ha vari altri lati positivi. I prezzi bassi e la posizione centralissima in un vicolo della città vecchia basterebbero a farlo prendere in considerazione, ma la struttura molto grande che offre tantissimi posti letto e le belle e colorate zone comuni, dove ci sono vari servizi e dove vengono spesso organizzate serate per favorire le interazioni tra gli ospiti, possono dare una spinta in più. Le camerate sono abbastanza standard, ma i letti a castello in legno sono nuovi e hanno anche uno spazio in basso dove chiudere col lucchetto i propri bagagli. Le stanzette da bagno (bagni e docce singoli) sono pulite e disseminate lungo i corridoi, ma per una struttura così grande forse sarebbero meglio i classici bagni grandi tipo campeggio, con i loculi water o doccia in fila e i grandi lavabi esterni: sono più facili da pulire e non si rischia di trovare tutto occupato.


naughty squirrel hostel (dal web)

Weltempfanger (Colonia)
Questo ostello si trova nel piacevolissimo quartiere di Ehrenfeld, leggermente fuori dal centro della bella città tedesca, ma ha una stazione della metropolitana proprio davanti. L'ostello è molto carino, ben tenuto, tranquillo e abbastanza economico. In particolare sono da segnalare la piccola cucina-salotto al primo piano e l'ottimo bar-caffetteria al piano terra dove si effettua il check-in (ma per entrare nella zona delle stanze non è necessario passarci, c'è un'entrata indipendente direttamente sulla strada cui si può accedere con la tessera magnetica) e dove pagando un supplemento si può usufruire di un'abbondante colazione.


weltempfanger hostel (dal web)

ingresso della lorenc guesthouse

Lorenc Guesthouse (Berat)
Una casa tradizionale e antica, con un grande giardino e dei bellissimi patii, ubicata nel cuore del meraviglioso quartiere cristiano della città più bella dell'Albania. Oltre ai soffitti in legno e agli spessi muri in pietra (che in estate dovrebbero garantire un po' di fresco, ma io ci sono stato in pieno inverno) aggiungete la cortesissima ospitalità del proprietario (cosa tutt'altro che infrequente nel paese delle aquile) che in più parla anche un buon italiano. Una sola parola: consigliatissimo!


soffitti della lorenc guesthouse


sumayaq hostel

Sumayaq (Cusco)
Al tempo era il Backpacker Bright Hostel, che ora ha traslocato, mentre ora la struttura ha cambiato gestione. Ma è la struttura stessa a meritare, visto che si tratta di un'antica casa coloniale con un bellissimo cortile interno dove sono sistemati divani, tavoli e sedie, postazioni col pc e televisione, a formare una piacevolissima zona comune; mentre le stanze, i dormitori e le zone comuni interne sono completamente rinnovate. I prezzi in linea con gli standard peruviani (cioè bassissimi) e la posizione ottima dietro al convento di San Francisco (quindi vicino alla piazza centrale e senza dover scarpinare in salita per raggiungerlo)  fanno il resto.


mirza boshi guesthouse
cortile del sumayaq hostel





















Rustam & Zukhra (Bukhara)
Questa guesthouse nella splendida città della via della seta non ha punti deboli. Le camere sono spaziose, pulite e ben arredate, con grandi bagni privati (anche le camerate in realtà sono normali camere, ma condivise), la struttura è nuova e con un bel cortile centrale che funge da zona comune dove viene anche servita la colazione. La posizione è ottima, all'imbocco della via pedonale che porta alla piazza principale della città e il rapporto qualità-prezzo è veramente altissimo.
Sempre in Uzbekistan, da segnalare per gli stessi motivi, anche se le camere sono più piccole ma il posto è comunque delizioso, il Mirza Boshi nella pittoresca e imperdibile Khiva.
Oltretutto c'è da dire che gli uzbeki sono forse il popolo più gentile, simpatico e ospitale con cui mi sia mai capitato di interagire.


rustam & zukhra (dal web)
pongyi guesthouse

Pongyi Guesthouse (Kanazawa)
In Giappone i classici ostelli per viaggiatori zaino in spalla non sono diffusissimi, tuttavia si riescono a trovare molte guesthouse economiche ma di buon livello dove dormire anche in camerata. Tra le tante provate, la vincitrice è senz'altro questa splendida casetta tradizionale in legno sulla sponda di un piccolo canale non lontana dalla stazione di Kanazawa. Oltre all'indubbio fascino degli interni tradizionali e ai servizi impeccabili, una nota di merito va anche alle simpaticissime ragazze che la gestiscono.
Una menzione la meritano senz'altro anche l'ostello di tipo più "classico" J-Hoppers di Hiroshima, dove ogni postazione dei letti a castello delle camerate ha un pianale dove tenere i bagagli accanto a sé e una tenda che chiude completamente lo spazio garantendo la privacy, e l'impeccabile Akari a Nagasaki.


l'interno della pongyi guesthouse
vn guesthouse

VN Guesthouse (Kanchanaburi)
Vi è mai capitato di dormire su una grande zattera ormeggiata presso la sponda di un fiume? A me si, in questa guesthouse a Kanchanaburi. Le stanze sono semplici, ma sono tutte in legno e con il bagno interno. La struttura si estende anche sulla riva del fiume, dove ci sono costruzioni con altre stanze (ancora più economiche di quelle sulla zattera) e le zone comuni con le cucine a disposizione degli ospiti e una terrazza coperta su palafitte dove c'è il bar e la reception.
La Thailandia, soprattutto quella del nord, è l'esempio lampante di come con una decina di euro o anche meno si possa riuscire ad alloggiare in stanze private in posti davvero graziosi; oltre a quella appena nominata, meritano una menzione anche la Ban Thai Guesthouse a Sukhothai, con dei piccoli bungalow in mezzo a un giardino e una costruzione poco più grande con delle stanzette interamente in legno (pavimento, pareti e soffitto) e l'incantevole TT&T Guesthouse, nell'altrettanto incantevole città di Lampang, ospitata in una casetta azzurra a due piani in legno con dei piccoli patii e balconcini, i cui proprietari sono anche simpatici e gentilissimi.


TT&T guesthouse
ban tai guesthouse (dal web)

Maison d'Hotes de la Citè Portugaise (El Jadida)
Nella cittadella portoghese della città di mare marocchina, a pochi passi dalla cisterna patrimonio UNESCO, sorge questa pittoresca guesthouse ospitata in una casa tipica. Oltre ai prezzi contenuti, il punto di forza della struttura sono le stanze ampie e bellissime, colorate di un azzurro intenso e con mobilio tradizionale. Sul tetto del palazzotto c'è una bella terrazza con tavoli e verandine dove consumare anche la colazione.


terrazza della maison d'hotes (dal web)

4 commenti:

  1. Grande Alessio... Mi piace l'idea di poter risparmiare e trovando posti davvero belli...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille :-D
      Si, dormire in ostello può essere un'esperienza piacevolissima.

      Elimina
  2. Può essere piacevolissimo o un incubo: ecco perché post così possono migliorare -e non di poco- un viaggio! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie ^^
      Si, è vero, si può finire anche in dei posti poco piacevoli, anche se poi molto varia da persona a persona; io per esempio sono molto adattabile...o forse finora sono stato molto fortunato ;-)

      Elimina

Lasciate un commento, sarà un piacere per me leggerlo e rispondere il prima possibile.