lunedì 15 settembre 2014

Silkstan parte 1: Tashkent

29-31 luglio e 9 agosto 2014
minareto hazroti imom
città vecchia
La grande capitale dell'Uzbekistan, pur non avendo siti di particolare interesse storico-turistico è comunque una tappa obbligata di un viaggio lungo le rotte dell'antica Via della Seta, in quanto principale porta di accesso alle meraviglie dell'Asia Centrale e importante snodo dei trasporti.
Pur avendo 1500 anni di storia sulle spalle, della città antica non è rimasto quasi niente a causa di un forte terremoto che nel 1966 l'ha rasa al suolo, e ora la metropoli ha un aspetto moderno in stile puramente sovietico, con spazi larghissimi (tanto da rendere il nucleo urbano veramente estesissimo) e tanto verde. Anche se l'aspetto non è affatto sgradevole, tuttavia il centro è molto dispersivo e consente l'aggregazione della gente solo nei parchi e in pochissime altre zone

medressa barak khan
khast imom
città vecchia


moschea hazroti imom
palazzo del gran muftì
medressa barak khan

L'aeroporto internazionale si trova abbastanza vicino alla città, e oltre ai taxi (peraltro piuttosto economici) si può facilmente usufruire dei mezzi pubblici, in particolare il bus 76 arriva fino all'autostazione, che si trova a fianco della stazione ferroviaria, dalla quale si può poi prendere la metro.
cicogne fuori la moschea hazroti
città vecchia
Tuttavia i pochi bancomat all'uscita del terminal elargiscono solo dollari, e l'unico modo per procurarsi immediatamente un po' di Som è quello di cambiare dai tassisti fuori l'aeroporto, che però usano il tasso di cambio ufficiale invece di quello del cambio nero che è molto più conveniente (anche un 30% in più; c'è da sapere inoltre che il Som uzbeko esiste solo in banconote di taglio piuttosto piccolo, 1000, equivalenti a circa 27 centesimi di euro, o 5000, quindi cambiando 200 euro si riceveranno in cambio chili di banconote che riempiranno un intero zainetto e ogni volta che si deve pagare qualcosa si finisce per passare minuti a contare le banconote).
La maggior parte degli alberghi della città sono di livello piuttosto alto e i posti per backpackers sono pochi: io ho alloggiato alla Mirzo Guesthouse, che si trova dalle parti del Bazar Chorsu, a ridosso della città vecchia, ed è pulita e accogliente.
supermarket
palazzo a spirale
A causa del suo impianto urbanistico, Tashkent un centro vero e proprio non ce l'ha, e passeggiare ammirando le attrazioni, o semplicemente le vetrine dei negozi, qui non è possibile; le cose da vedere inoltre sono sparse in diverse parti della città, e molto lontane tra loro, ma fortunatamente un valido aiuto è dato dalle tre linee di metropolitana (le cui stazioni, parecchio distanti le une dalle altre, sono piene di marmi, sculture e lampadari, in pieno stile sovietico, e sono esse stesse un'attrazione; attenzione però perché non sarebbero fotografabili, e sono anche ben controllate; le più belle sono Kosmonavtlar e Alisher Navoi), oltre che da molti bus, tram e soprattutto da una miriade di taxi più o meno ufficiali (anche quelli non ufficiali sono molto economici, il problema semmai è dato dal fatto che tra i tassisti l'inglese è completamente sconosciuto, mentre per il resto non è poi troppo difficile trovare qualcuno che lo parli) che permettono di raggiungere le varie destinazioni abbastanza agevolmente.

bazar chorsu
bazar chorsu
bazar chorsu

moschea juma
medressa kulkedash
medressa kulkedash
















Una visita della città potrebbe cominciare proprio dalla zona nord-occidentale, dove si trova anche l'ostello; qui infatti sorge la città vecchia, che in realtà di vecchio ha ben poco visto che le abitazioni sono tutte moderne, tuttavia lo stile tradizionale con cui queste sono costruite, ad un piano massimo due e con un cortile centrale, e l'impianto urbanistico caratterizzato da un labirinto di vicoletti, alcuni anche sterrati, insieme all'aria tradizionalista che vi si respira, ne rendono la visita piuttosto piacevole. Percorrendo la via principale della città vecchia si sbuca in un vasta spianata dove sorge il monumentale complesso del Khast Imom, centro spirituale ufficiale della nazione, probabilmente la cosa più interessante della città.
parco hadra
circus
Due lati della grande piazza sono infatti occupati dalla Medressa Barak Khan, del XVI secolo, le cui celle per gli studenti sono ora negozi di souvenir, e dalla nuova ed enorme Moschea del Venerdì Hazroti Imom, con una coppia di alti minareti ai lati, il palazzo del Gran Muftì a fianco e un cospicuo numero di cicogne che gli stazionano davanti. L'attrazione più importante è tuttavia il piccolo palazzo che si trova sul lato sud della piazza, a fianco dell'altra moschea (la Telyashayakh, della metà del XIX secolo, molto più piccola della moschea principale), che ospita un museo-libreria dove è conservato un enorme tomo su cui è scritto il Corano più antico del mondo ancora in circolazione, risalente al VII secolo e portato a Samarcanda da Tamerlano.
complesso dei mausolei
complesso dei mausolei 
Subito a sud della città vecchia si trova invece il Bazar Chorsu, il mercato principale della città, di dimensioni assolutamente ragguardevoli, dove trovare sia generi alimentari di ogni tipo sia souvenir e vestiti. Il bazar è anche uno dei posti migliori dove cambiare i soldi al mercato nero (come detto, andate con una borsa o uno zainetto), e il suo padiglione con i banchi-ristoranti è ottimo per assaggiare il cibo locale a prezzi bassissimi, sia a pranzo che a cena (purché andiate presto).
complesso dei mausolei 
viale navoi
Uscendo poi dalla sua porta meridionale ci si ritrova nei pressi della Moschea Juma (costruita nel 1990) e della Medressa Kulkedash, che invece è antica e ancora funzionante, che sovrastano una piccola collina e le loro cupole sono ben visibili anche dalla zona centrale del mercato (dove sbuca anche la stazione della metro).

dom forum
università
interno mausoleo
broadway
amir timur maydoni
amir timur maydoni

Andando verso est si arriva nella zona intorno al Circus, che è une della poche zone di aggregazione della città, da dove parte il largo viale Navoi, vicino al quale, un paio di km a est del Circus, sorge un complesso di tre piccoli, ma antichi e interessanti, mausolei: quello di Kaldirgokhbyi, quello di Shaykh Hovendi Tahur, e quello di Sheikhantaur. Il complesso, e il suo ingresso, non è facile da trovare perché è circondato dal campus universitario; per accedervi bisogna prendere la stradina che unisce il viale Navoi con quello Abdulla Kodiri (un altro degli immensi viali del centro, su cui si affaccia anche la maestosa facciata dell'Università).
lungo broadway
lungo broadway
Un paio di km a sud del Circus invece si trova il bel parco Navoi, con giostre, un paio di laghetti (uno abbastanza grande in realtà), dei bei giardini e il monumento al poeta medievale Alisher Navoi (veneratissimo in Uzbekistan). Intorno al parco sorgono dei mostri sovietici come il Palazzo Istiklol, con a fianco la piccola Medressa Abdulkasim con all'interno varie botteghe artigiane, il Palazzo dei Matrimoni e il palazzo Oliy Majlis, che ospita la camera bassa del parlamento.
Ancora più a sud c'è il piccolo ma grazioso parco Gafur Gulom, con giostre e gente a passeggio, proprio di fronte al monumentale Stadio Nazionale (metro Mirzo Ulugbek).

mustaqillik maydoni
parco gafur gulom
palazzo romanov 
monumento vittime del terremoto
incrocio
senato e mustaqillik maydoni
madre piangente
canale ankor
canale ankor

La zona a est del canale Ankor, che taglia a metà il centro cittadino, è di stampo puramente sovietico con molti palazzoni residenziali. La grande piazza-giardino Amir Timur Maydoni è un po' il simbolo cittadino, con la grande statua equestre di Tamerlano (il cui vero nome era appunto Amir Timur) al centro sulla quale svettano alle spalle l'alto Hotel Uzbekistan e il Dom Forum.
mustqillik maydoni
metro kosmonavtlar
Dal lato occidentale della piazza partono tre strade, quella al centro (Sayligoh, detta comunemente Broadway) è pedonale e piena di gente a passeggio e di pittori di strada che espongono le loro opere, e attraverso vari giardini e una piazza sulla quale si affaccia un moderno centro commerciale, passando nei pressi di alcuni musei (la galleria d'arte e il museo di storia) e fiancheggiando l'antico Palazzo Romanov, arriva fino alla Mustaquillik Maydoni, un'altra vastissima piazza-giardino dove si affaccia il palazzo del Senato e dove campeggia il monumento della Madre Piangente.
Seguendo la passeggiata in mezzo al verde verso nord lungo la sponda del canale Ankor, passando accanto anche a vari ristoranti e locali, si arriva fino al Memoriale delle vittime del terremoto.
medressa abdulkasim
oliy majlis
Gli ultimi siti interessanti della città infine, si trovano a sud del centro, vicino alla stazione ferroviaria, dove sorgono il Bazar Mirobod e la Cattedrale ortodossa dell'Assunzione, e a nord, dove il profilo della grande torre della televisione  alta 375 metri domina il paesaggio ed è visibile da quasi tutte le zone della città (si raggiunge dalla fermata Bodomzor della metro, dove c'è una moderna piazza con l'Hotel Intercontinental e un parco dei divertimenti con lo Water Park).

parco navoi
parco navoi
parco navoi

moschea hazroti imom
via principale della città vecchia
metro alisher navoi

Tashkent è una città piuttosto tranquilla e sicura, c'è molta polizia in giro e i controlli per entrare nella metropolitana e in stazione sono rigorosi, quindi bisogna sempre portare il passaporto appresso (le guardie comunque non vi faranno troppi problemi e una volta visto il passaporto italiano probabilmente si metteranno a scherzare con voi). Di notte il problema è semmai la dispersività della città, e se volete raggiungere quindi uno dei vari ristoranti, pub o locali notturni, tutti ovviamente il più sparsi possibile nella vasta area cittadina, dovrete ricorrere ai taxi (basta mettersi al lato della strada e qualcuno si fermerà), ma come detto comunicare in inglese non sarà facilissimo. 
torre della TV
museo biblioteca
Fortunatamente io ero in compagnia di gente del posto e ho potuto muovermi abbastanza facilmente e visitare sia un lussuoso ristorante tipico, il Sim Sim, che una birreria ceca, Pivobar Dudek, entrambi situati lungo Muqimi Kochasi, un'importante arteria a sud del parco Navoi, uno di fronte all'altro.
I quattro giorni in totale da me passati in città sono stati decisamente sovrabbondanti (ma passati molto bene grazie alla compagnia), tuttavia visto che per quasi tutti i turisti la capitale sarà sia la base di arrivo che quella di ritorno a casa, ci si può fermare un giorno o due a Tashkent con piena soddisfazione.

stazione dei treni
amir timur maydoni
bodomzor
cattedrale dell'assunzione
cattedrale dell'assunzione
cattedrale dell'assunzione
post successivo: Khiva

2 commenti:

  1. finalmente degli articoli un po' diversi, leggerli è un piacere (PS: non ce la faccio più di articoli sulla Thailandia e Bangkok ;-) Vista che mi dici che ne verranno altri, starò attentissima a non perdermeli :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie :-)
      Hai ragione, anche io ne ho fin sopra i capelli!! Ho ancora tante cose da scrivere sull'Asia centrale!

      Elimina

Lasciate un commento, sarà un piacere per me leggerlo e rispondere il prima possibile.