lunedì 11 novembre 2013

Nagoya e il lago Biwa

3 agosto e 18 agosto 2013
il fuji a mishima
zona della stazione di nagoya
Nagoya è la quarta città del Giappone per dimensioni e il capoluogo della regione del Chubu, che comprende anche una buona parte della catena montuosa delle alpi giapponesi. La città non presenta un gran numero di attrazioni turistiche, tuttavia la sua piacevole e rilassata modernità, i dintorni molto interessanti ottimi per una gita in giornata, e la fama che si è fatta negli anni come località accogliente e dalla buona cucina, ne rendono un breve soggiorno tutt'altro che disprezzabile.

hori kawa a nagoya
fossato del nagoya jo
Nagoya è uno snodo ferroviario di primaria importanza, vi convergono due linee diverse di shinkansen (i famosi treni-proiettile ad alta velocità giapponesi), ed è una sosta obbligata per chi è diretto verso Kyoto e il Kansai, o anche più a sud. La linea Tokaido Shinkansen, che unisce la città a Tokyo (e a Osaka), attraversa varie città importanti, come Shizuoka e Hamamatsu, ma soprattutto nella città di Mishima (dove effettua una sosta) si ritrova proprio sotto al monte Fuji (peccato che anche quel giorno la montagna sacra fosse coperta dalle nuvole) percorrendone le pendici fino alla successiva fermata di Fuji City.
La stazione di Nagoya si trova al limite occidentale del centro ed è molto grande, ma non labirintica come altre, e, come spesso succede in Giappone, è inglobata in un enorme centro commerciale con negozi di tutti i tipi e più piani dedicati solamente alla ristorazione; è inoltre sormontata da due torri cilindriche che superano i 240 metri di altezza e ospitano la sede delle ferrovie JR Central.
nagoya jo
interno del nagoya jo
Nelle immediate vicinanze dell'uscita ovest della stazione si trova l' Ecohotel, un hotel economico (anche le camere singole sono economiche) ma pulito e funzionale, e in posizione ottima per esplorare la città. L'unico problema è che, pur potendo entrare e uscire a qualsiasi ora del giorno e della notte senza problemi, gli orari di reception sono molto limitati e il check-in viene effettuato solo a partire dal pomeriggio inoltrato (mi sembra addirittura dopo le 16:00; ho dovuto lasciare i bagagli in un armadietto della stazione e effettuare il check-in in serata, al mio ritorno dalla visita della città).

teatro no
giardino del nagoya jo
dalla terrazza del nagoya jo (si vedono
le torri jr central e la midland square)
Nella zona della stazione l'interesse è catalizzato dal grattacielo Midland Square, sede centrale mondiale della Toyota, alto 247 metri, dalla cui terrazza scoperta (la più alta del paese, accessibile a pagamento) si può ammirare un vasto panorama su tutta la città. A poca ditanza dal grattacielo della Toyota ci sono anche le Spiral Tower, dalla forma curiosa e accattivante.
spiral tower
jr central towers
Poco più a nord si trova invece il giardino Noritake, che ospita anche un centro artigianale di ceramica e porcellana con una galleria espositiva.
La maggiore attrazione cittadina è però il Nagoya Jo, il castello dello shogun, che si trova nella zona settentrionale del centro cittadino, immerso nel verde di un ampio parco ricco di padiglioni secondari. L'edificio originale è andato distrutto durante la guerra e quello odierno è una ricostruzione, ma è molto scenografico e all'interno ospita un museo con armature e vari oggetti antichi, inoltre dalla terrazza all'ultimo piano si può ammirare un bel panorama sulla città.
Nei dintorni del castello, subito fuori del parco, c'è anche il teatro No della città, e la city hall.


oasis 21
cosplayer all' oasis 21
city hall e aichi prefectural gymnasium

Il quartiere di Sakae, nella zona orientale del centro, è uno dei punti di riferimento dello shopping cittadino, ed è molto frequentato. 
hisaya odori e torre della televisione
stazione spaziale al museo delle scienze
Il largo viale Hisaya-Odori che taglia a metà il quartiere ha inoltre, nella sua parte centrale, un parco cittadino nel quale spicca la torre della televisione, e costeggia l' Oasis 21, ovvero la stazione dei bus, che, oltre a ospitare un centro commerciale, presenta un'architettura avveneristica e interessante, con un enorme disco ovale di materiale trasparente (sul quale è anche possibile passeggiare) che ricopre l'intera struttura (in quella giornata l' Oasis 21 ospitava anche una convention di centinaia di cosplayer che affollavano l'area dandogli un colore e un'atmosfera molto particolare).
shirakawa koen
museo delle scienze e planetarium
Nella zona sud del centro si trova il quartiere Osu, anche questo ricco di negozi e di locali notturni, nel quale sorge un importante tempio dedicato alla dea Kannon; mentre a breve distanza da quest'ultimo, attorniato da un piacevole parchetto, lo Shirakawa Koen, sorge il Nagoya City Science Museum, con il più grande planetarium del mondo.
Da segnalare infine, un po' fuori dal centro verso sud, l' Atsuta Jingu, uno dei più importanti santuari shintoisti della nazione, e la zona del porto di Nagoya, che è uno dei più grandi e importanti del paese.

parco del castello di hikone
ingresso del castello di hikone
fossato del castello di hikone

Dopo Nagoya la linea shinkansen prosegue verso Kyoto e la regione del Kansai, allontanandosi dalla costa attraverso la prefettura della città di Gifu e passando vicino alle coste (senza tuttavia che siano visibili) del lago più grande del Giappone: il Biwa Ko. Scendendo alla stazione shinkansen di Maibara è possibile vistare due cittadine sulla sponda settentrionale del lago (quindi piuttosto vicine a Nagoya) molto interessanti.

il biwa ko a hikone
università di hikone
castello di hikone

Hikone è una gradevole città di provincia che si segnale principalmente per il suo castello, che è uno dei pochissimi del paese che conserva ancora la struttura originale (cioè non ricostruito in epoca moderna perché andato distrutto durante la II guerra mondiale o in precedenti incendi). Il castello è di dimensioni abbastanza ridotte, ma vale comunque la pena di andarlo a vedere, anche per il bel parco in cui è inserito.
biwa ko
yumekyo bashi
A ovest dal parco del castello si trova la Yumekyo Bashi, una strada molto caratteristica ricca di negozi e di ristoranti tradizionali (dove provare anche la soba con le aringhe).
Dalla stazione il castello dista circa 1 km, mentre le sponde del lago si trovano leggermente fuori il centro abitato (circa 2 km dalla stazione) e non ci sono strutture che permettono di godersele in maniera particolare (lungo la riva c'è solo una stretta spiaggia subito a ridosso della strada).

museo di nagahama
piazzale della stazione di hikone
yumekyo bashi

Più gradevole è la situazione nella vicina città di Nagahama, dove a ridosso del lago c'è un bel parco cittadino che ospita anche una struttura che ricorda gli antichi castelli della regione, ora adibita a museo, e una passeggiata lungo le sponde dello specchio d'acqua, oltre a una spiaggia più larga (anche se le acque del lago non sono proprio invitantissime).
casa tradizionale di
kurokabe square
biwa ko a nagahama
Nagahama è da segnalare anche per il quartiere storico di Kurokabe Square (non è una piazza, il nome deriva dalla pianta quadrata del quartiere), lungo le stradine del quale si affacciano numerose abitazioni tradizionali trasformate in negozi di artigianato. Al centro del quartiere vi è anche una galleria commerciale, sempre con costruzioni tradizionali.
Un appunto: pur distando tra loro meno di 10 km, per andare da Hikone a Nagahama, e viceversa, bisogna per forza passare per Maibara, dove capita di dover aspettare la coincidenza anche per più di mezz'ora.

galleria commerciale di kurokabe square
kurokabe square
biwa ko a nagahama








post successivo: Kyoto

Nessun commento:

Posta un commento

Lasciate un commento, sarà un piacere per me leggerlo e rispondere il prima possibile.