domenica 14 aprile 2013

Tour delle Città Imperiali parte 2: Sefrou e Bhalil

25 dicembre 2010
bhalil
I dintorni di Fes presentano parecchi siti interessanti che rendono consigliabile organizzare una o più escursioni, tutte completabili in massimo una giornata. Tra le varie opzioni dunque, dietro consiglio della guida che il giorno precedente ci aveva accompagnato alla scoperta della medina, si è deciso di visitare la città di Sefrou, che si trova ad una trentina di km circa da Fes, alla base delle montagne del Medio Atlante, famosa per una festa delle ciliegie che si tiene in giugno.

Nel parcheggio che si trova poco più in basso di Place de la Resistance si può noleggiare per pochi euro a persona un grand taxi, tipicamente una vecchia e ampia mercedes nella quali gli autisti arrivano a stipare fino a 6 passeggeri, con il quale è possibile coprire tragitti anche abbastanza lunghi.
Durante il tragitto il conducente ci ha proposto, pagando un supplemento tutt'altro che esoso, di affittare la vettura per l'intera giornata potendo effettuare così un mini tour che avrebbe toccato, oltre al centro storico della cittadina, altri tre luoghi interessanti negli immediati dintorni. 

per i vicoli di bhalil
donne lavano i panni a bhalil
bhalil

Il primo di questi è stato Bhalil: un pittoresco villaggio abbarbicato sul fianco di una collina che si trova appena 4 km prima di Sefrou.
bhalil
La parte più antica della cittadina (che è anche quella più elevata) è un insieme di stretti vicoli e scalinate, ed è caratterizzata dalla presenza di alcune caratteristiche abitazioni troglodite (delle quali alcune parti sono cioè scavate nella roccia) i cui abitanti permettono anche, pagando una mancia, la visita. 
Nella parte più alta vi sono anche alcuni belvedere da cui godere del panorama sulla cittadina e sulla sua parte più bassa, tagliata in due da un ruscello.
La principale attrattiva di Bhalil è tuttavia la sua autenticità, la possibilità di osservare un reale spaccato di vita marocchina al di fuori di una grande città. 

bhalil
bhalil
torrente agay nella medina di sefrou

Sefrou invece è ormai una città di una certa grandezza. Considerata una delle città più antiche del Marocco, conserva ancora una medina pittosto estesa ed interamente circondata da bastioni che è la seconda per importanza e per grandezza dell'intera regione.
cascata sopra sefrou
fabbro nella medina
La città vecchia è tagliata in due dal torrente Agay, attraversato da vari caratteristici ponticelli in pietra, ed è suddivisa in vari quartieri caratterizzati da vicoletti strettissimi e un buon numero di piccole moschee. In particolare, visto che la città è nata come insediamento ebraico, è particolarmente interessante la mellah con la sua sinagoga; inoltre anche in questa medina si incontrano un gran numero di suq, nei quali però si possono fare acquisti di articoli artigianali a prezzi molto più vantaggiosi che a Fes.
Il giro completo della medina, che richiede al massimo un paio di ore (passeggiando lentamente e fermandosi a fare acquisti nei suq), è molto piacevole poiché questa è meno turistica di quella di Fes (e con i venditori molto meno molesti) e di dimensioni ridotte (così che risulta più difficile perdersi).

medina di sefrou
suq della medina di sefrou
moschea a sefrou









Le montagne che dominano la città sono ricche di sorgenti e di foreste, e hanno fatto da sfondo alle ultime due tappe del nostro mini tour. Poco al di sopra della città infatti, ma già immersa nella natura, c'è una piccola ma scenografica cascata (ci si arriva in macchina, ma è impossibile da trovare se non vi ci conduce qualcuno) e, poco distante, una grotta meta di pellegrinaggio perché sembra contenga il sepolcro del profeta Daniele; mentre successivamente la strada sale fino ad arrivare ad un altopiano a oltre 1000 metri di quota con un punto panoramico da cui si può osservare tutta la città e la vallata che la ospita. 

ingresso della medina di sefrou
medina di sefrou
sefrou








Tutto il tour turistico è completabile in poco più di mezza giornata, ma ne vale davvero la pena, e il tragitto di ritorno a Fes dura al massimo tre quarti d'ora. 

post successivo





Nessun commento:

Posta un commento

Lasciate un commento, sarà un piacere per me leggerlo e rispondere il prima possibile.