giovedì 15 novembre 2012

Dusseldorf

24 - 25 agosto 2012
johanneskirche
konigstrasse
Il Weeze Airport, ovvero lo scalo servito dalla Ryanair, per il quale si spuntano dei prezzi davvero concorrenziali visto che la zona non è proprio battutissima dal turismo classico, è piuttosto lontano dal centro di Dusseldorf (oltre 80 km) e le corse in autobus non sono frequentissime, al contrario di come segnalano gli orari su internet; molto più frequenti invece sono i minibus (o forse sarebbe meglio chiamarli taxi collettivi visto che possono trasportare sette persone) per le stazioni dei treni delle vicine cittadine di Kevelaer e Weeze, dalle quali poi è facile proseguire in treno, non solo per Dusseldorf, ma per tutte le principali città del land, anche a orari "scomodi" come risultano spesso essere quelli di atterraggio degli aerei Ryanair (molto comodo è stato il fatto che il conducente del minibus mi ha venduto un biglietto unico che valeva anche per il treno fino alla stazione centrale di Dusseldorf).

interno della fiera
esprit stadion
L'ostello Backpackers Dusseldorf si trova poco a sud del centro, dal quale è raggiungibile comodamente a piedi, ed è pulito e ben organizzato (nonostante io sia arrivato dopo mezzanotte, con la reception chiusa, sono potuto entrare e sistemarmi senza problemi perché, avendo avvertito della mia tarda ora di arrivo, mi erano stati inviati i codici di ingresso del portone e della stanza, nella quale un letto era preparato e segnalato con un cartello col mio nome; poi le formalità di check-in le ho espletate il giorno successivo), e con un'ottima colazione compresa nel prezzo della stanza.

il reno vicino la fiera
chiatta sul reno
padiglioni della fiera

Il capoluogo del land della Renania Settentrionale-Westfalia è una città moderna e ben tenuta e, nonostante non vanti un patrimonio artistico di prima categoria, molto piacevole ed interessante, anche (e forse, rispetto ad altre città tedesche, soprattutto) nelle sue zone più moderne.
nordpark
il reno
Dall'ostello si raggiunge con una breve camminata il Konigsallee, ovvero un largo viale alberato con al centro un canale, che rappresenta il fulcro della vita diurna cittadina grazie anche alla moltitudine di negozi e botteghe che ospita. A ovest del viale c'è la parte nuova del centro città, che arriva fino alla stazione centrale passando per varie zone commerciali (in particolare sulla Immermannstrasse c'è il quartiere giapponese, con molti negozi di stampo orientale) e per la Johanneskirche, una delle maggiori chiese cittadine.
Proseguendo verso nord invece si arriva all'Hofgarten, il boscoso parco cittadino, dove si può passeggiare lungo le rive del laghetto e percorrere il viale (le cui panchine la sera si accendono) che porta fino al castello Jagerhof, che ora ospita il museo Goethe.

fontane del nordpark
giardino giapponese al nordpark
nordpark

A est della Konigsallee si entra nel dedalo di vicoli della Altstadt, la città vecchia, dove più che osservare qualcuno tra i palazzi antichi o le chiesette che vi sono contenute, il bello sta nel curiosare tra i negozietti e, soprattutto, consumare qualcosa in uno degli oltre 300 tra bar, ristoranti e birrerie ivi situati.
nordpark
scheletro di balena nell'aquazoo
In particolare la Bolkerstrasse è piena di birrerie dove bere la Altbier (la birra, scura, tipica della città, che si contrappone alla chiara Kolsch tipica della vicina Koln) e stare in compagnia (il sabato pomeriggio la strada era ingombra di gente che beveva guardando la partita di calcio sui maxischermi che ogni birreria aveva montato). Nella Ratingerstrasse invece il movimento c'è più tardi, in uno dei tanti cocktail bar o ristorantini messi uno dopo l'altro, senza soluzione di continuità, lungo tutto il percorso della strada.
I ristoranti più tipici, e forse di livello più elevato, ma anche locali di cibo take-away e caffetterie, si trovano invece sulla Markstrasse, sulla successiva Bergerstrasse e nei vicoli che, costeggiando un piccolo dock tra le case, arrivano fino al lungofiume.
Comunque la città vecchia non è solo cibo e alcool; un colpo d'occhio interessante lo danno le chiese di San Lamberto, San Andreas e la Neanderkirche, con la sua torre campanaria che sbuca tra i tetti, la bella Marktplatz, con il vecchio municipio e la statua equestre di Johann Wilhelm, e la Burgplatz, con una scalinata che porta direttamente al lungofiume.
neanderkirche
san lambertus
Nei dintorni della Burgplatz si ha una delle migliori vedute panoramiche sul fiume e sullo skyline della città. Seguendo la passeggiata sul lungofiume, superata la sfilza di ristoranti di pesce e il ponte, passando attraverso un bel prato in riva al fiume, si raggiunge la zona sud della città, che ospita alcune delle più interessanti costruzioni moderne come il grattacielo Stadttor e, soprattutto, la Rheinturm, una torre di 240 metri dalla cui piattaforma (a 168 metri), raggiungibile in ascensore e che ospita uno snack bar, si può godere di una vista panoramica a 360° sulla città e sui suoi dintorni.

hofgarten
marktplatz
bolker strasse









La maggior parte dell'afflusso turistico della città deriva dal fatto che la fiera di Dusseldorf è una delle più grandi ed importanti d'Europa, e ospita moltissimi eventi ogni anno. 
markt strasse
burgplatz
I grandi  e avveniristici padiglioni sono facilmente raggiungibili con la metropolitana ma, a meno che non siate dei patiti di architettura o vogliate vedere il  moderno Esprit Stadion, se non siete intenzionati a visitare qualche esposizione, la fiera non offre molti spunti interessanti. Molto bella è però la passeggiata tra gli alberi in riva al fiume Reno, dove si riesce a scendere fino al limitare dell'acqua, osservando i numerosi barconi che lo solcano.
palazzi sulla markt strasse
Una visita inoltre la merita assolutamente il bellissimo Nordpark, situato poco prima della fiera, con i suoi giardini e le sue aiuole curatissime, la sua moltitudine di ambienti floristici differenti, e il suo laghetto con una sfilza di fontane.
All'interno del Nordpark vi è anche l'aquazoo, la cui visita è molto gradevole, con molti pesci e animali acquatici vivi, le ricostruzioni dei vari ambienti acquatici e uno scheletro di una balena.

parco cittadino lungo il fiume
lungofiume
dock


panchine accese nel hofgarten
castello jagerhof
spee's graben








Dusseldorf si visita in una giornata girando comodamente a piedi, ma è comunque servita da un'ampia rete di metropolitane, che in alcuni casi si collegano direttamente alla rete ferroviaria facendo sembrare  tutte le città del bacino della Ruhr 
servite da un'unica immensa rete di metro (una delle quali arriva comodamente anche al vicino aeroporto internazionale di Dusseldorf).
rheinturm
altstadt vista dalla rheinturm
Da segnalare che nella stazione centrale, nella piazza antistante ad essa e lungo la strada che la costeggia fino alla stazione dei bus (dove ci sono anche le partenza per l'aeroporto di Weeze), c'è una moltitudine di fast food, banchi che vendono spuntini, rosticcerie e tavole calde in stile mediorientale in cui si mangia affatto male e si spende piuttosto poco (in una di queste ultime, vicino ai polli, ho visto addirittura un agnello intero arrostire allo spiedo).

stazione centrale
agnello arrosto
skyline dal lungofiume vicino burgplatz

Nessun commento:

Posta un commento

Lasciate un commento, sarà un piacere per me leggerlo e rispondere il prima possibile.