sabato 27 ottobre 2012

Transmongolica parte 4: la ferrovia Transiberiana e Transmongolica, Ulan-Ude

22-24 luglio e 6-8 agosto 2012
La stazione ferroviaria di Irkutsk si trova sulla riva occidentale del fiume Angara, non lontano dal centro, ed è una delle tappe più importanti della Transiberiana, oltre che una buona base di partenza sia per chi voglia arrivare a Vladivostok che per chi vuole deviare verso sud e arrivare a Pechino.
stazione transiberiana di irkutsk
il treno mosca-vladivostok
La tratta Irkutsk-Ulan Bator però, a quanto pare, è molto richiesta e quindi sarebbe conveniente comprare il biglietto con un certo anticipo, oppure spezzarla in due effettuando una sosta nella città di Ulan-Ude, dove la Transiberiana e la Transmongolica si dividono ed è più facile trovare un biglietto per la capitale mongola (anche se non è detto che lo troviate per la data voluta).
L'acquisto del biglietto alla stazione non è però facilissimo poiché nessuna delle bigliettaie parla inglese, ma ho potuto risolvere il problema grazie ad alcune casse automatiche anche in lingua inglese che, benché non accettassero la mia carta di credito, mi hanno permesso di consultare gli orari e i prezzi  e di tornare alla cassa con tutte le informazioni segnate su un biglietto e sottoporle alla cassiera che mi ha fatto il biglietto (fortunatamente i numeri sono scritti con gli stessi caratteri occidentali, e scrivere "Ulan-Ude" in cirillico non è difficile).

bajkal
bajkal
estremità meridionale del bajkal

I treni della Transiberiana, benché lenti da morire, sono molto comodi: la seconda classe consiste in degli scompartimenti con 4 brande (quindi ognuno ha il suo posto letto, e cuscino, lenzuola e coperte vengono forniti) piuttosto ampi; inoltre all'estremità di ogni vagone c'è un grande samovar dove potersi rifornire di acqua calda per il tè.
bajkal
villaggio della buriazia
Il viaggio da Irkutsk a Ulan-Ude dura circa otto ore (bisogna fare molta attenzione all'orario di partenza perché viene dato con il fuso di Mosca, e ci sono 5 ore di differenza, quindi la partenza alle 5 di mattina è in realtà alle 10) e, dopo una prima parte abbastanza anonima tra le foreste di conifere, regala degli scorci incantevoli sulla zona meridionale del Bajkal. Superata l'estremità sud del lago si esce dalla repubblica siberiana per entrare in quella di Buriazia, costeggiando dapprima la sponda orientale del lago ed attraversando alcune cittadine dall'aspetto agreste, e successivamente risalendo il corso del principale immissario del lago, il Selenga, fino alla capitale buriata.

piazza sovetova
stazione transiberiana di ulan-ude
valle del selenga

Appena sceso ad Ulan-Ude, la mia prima preoccupazione è stata quella di procurarmi il biglietto per Ulan Bator (anche qui, pur andando alla biglietteria internazionale della stazione, le funzionarie non parlavano inglese, ma ci siamo capiti scrivendo su un foglio orari e prezzi), e ho scoperto che ce ne erano solo per il giorno successivo o per tre giorni dopo. Benché fatta a malincuore, la scelta di fermarsi solo una notte in città si è rivelata giusta poiché Ulan-Ude, pur non essendo assolutamente sgradevole, non presenta molte attrazioni e in un paio di ore a piedi è possibile visitarla quasi tutta.
teatro dell'opera
capoccione di lenin
L'ostello U.U.Travellers House consiste in un grande appartamento ospitato in un palazzone che si affaccia sul lato nord della piazza principale; ci sono solo letti in camerata ma è pulito e moderno, e il gestore parla bene inglese (è però difficile trovare il portone di ingresso poiché mal segnalato da un foglio A4 con scritto UUT, e io sapevo cosa digitare sul citofono solo perché avevo prenotato e mi era stato inviato il codice).
ulitsa lenina
ulitsa lenina
L'attrazione principale della città si trova nella grande piazza Sovetov, dominata dal palazzo del governo regionale, e consiste nel monumento raffigurante la testa di Lenin, di dimensioni gigantesche. All'angolo sud-occidentale della piazza vi è poi la bella facciata del teatro dell'opera, e da lì parte Ulitsa Lenina, la strada principale del centro, che in alcuni punti è pedonale ed è abbellita da fontane e aiuole, oltre che dalle facciate di alcuni palazzi in stile neoclassico ottocentesco. In fondo alla via poi si trova la bella cattedrale ortodossa Odigitria.
Altri punti interessanti, oltre qualche scorcio caratteristico con case di legno, sono: la centrale Piazza della Rivoluzione, dove, oltre ad un obelisco, ci sono le gallerie commerciali e i grandi magazzini centrali, e dietro alla quale si va al mercato centrale; la piccola chiesa Troitskaya, appena fuori dal centro storico; e la passeggiata pedonale costruita sull'argine del fiume Selenga, che superato lo stadio poi curva seguendo l'argine sul piccolo affluente Uda, dalla quale si possono vedere bei panorami sulla steppa intorno alla città.
case di legno
cattedrale odigitria
Per chi è costretto a fermarsi più di un giorno, dalle due stazioni degli autobus partono quotidianamente delle corse per i villaggi sul delta del Selenga e sulla sponda orientale del lago Bajkal, e soprattutto per l'Ivolginsk Datsan, il più importante monastero buddista della Russia, che si trova a circa 25 km dalla città (ma se si è diretti in Mongolia si avrà l'occasione di visitare dei monasteri buddisti di maggiore importanza e bellezza).

periferia vicino l'argine 
piazza della rivoluzione
chiesa troitskaya

Il treno Mosca-Pechino per coprire i poco più di 600km che separano Ulan-Ude da Ulan Bator impiega un tempo spropositato (tra le 18 e le 20 ore); ma la prima parte del tragitto, che risale la valle del Selenga, regala degli paesaggi molto suggestivi.
passeggiata sull'argine del selenga
selenga a ulan-ude
Il motivo principale per il quale la durata del viaggio è così cospicua è che la sosta per le formalità burocratiche a Naushky, il paesino di frontiera tra la Russia e la Mongolia,  dura buone 6 ore. Il villaggio non offre molto e la sosta è abbastanza noiosa, al massimo si può fare una passeggiata tra le case di legno e fare un salto nel mercatino davanti alla stazione per fare rifornimento di dolci, oppure in uno dei minimarket a comprare un po' di cibo e una buona birra Baltika.
Superato il confine si arriva nella cittadina di Sukhbaatar, dove i controlli della frontiera mongola durano solo un paio di ore. Poi, inoltrandosi in territorio mongolo e lasciando la vallata del fiume, le foreste della taiga lasciano via via il posto alla steppa priva di alberi caratteristica della Mongolia centrale.
Partendo da Ulan-Ude verso l'ora di pranzo, come ho fatto io, si arriva ad Ulan Bator la mattina presto.

tramonto sul selenga in mongolia
lago gusinoye
treno mosca-pechino

Il viaggio di ritorno, da Ulan Bator a Irkutsk, ha avuto tutte le caratteristiche del "viaggio della speranza", poiché è durato addirittura 35 ore (per coprire meno di 1300 km).
Fare il biglietto però non crea grossi problemi (anche se trovare la biglietteria internazionale non è facile: si trova dall'altra parte del vialone che scorre davanti alla stazione, nascosta da una fila di palazzi), perché nella capitale mongola molta gente parla inglese.
scompartimento
samovar
Grazie alla partenza serale, le notti in treno sono state due (e stavolta lo scompartimento era pieno, cioè 4 persone, mentre gli altri due viaggi li ho fatti solo con un'altra persona), ma i siberiani sono persone di compagnia e ho potuto anche vedere dei paesaggi che nel viaggio di andata erano passati in notturna. La sosta a Sukhbaatar all'alba è stata più lunga (4 ore abbondanti), quella a Naushky sempre interminabile, e l'arrivo a Irkutsk è stato alle sette di mattina (l'ideale per passare una giornata intera in giro prima di andare all'aeroporto dopo cena a prendere il volo per Mosca che partiva alle 5 del mattino successivo; però nella stazione di Irkutsk c'è un comodo ed economico guardaroba dove lasciare la valigia).
Ultimo appunto: sia a Irkutsk che a Ulan-Ude non è facile trovare un internet point (anche se molti locali offrono la connessione wifi), e in effetti l'unico che ho trovato stava proprio dentro la stazione.

alba vicino irkutsk
naushky
il selenga in mongolia

Nessun commento:

Posta un commento

Lasciate un commento, sarà un piacere per me leggerlo e rispondere il prima possibile.